Consumo delle asciugatrici casalinghe

L’asciugatrice, anche se non è un elettrodomestico molto gettonato in Italia, è un prodotto utilissimo per la casa, soprattutto se si abita in zone molto umide o dove l’inverno rende impossibile la veloce asciugatura degli indumenti. Data questa premessa, praticamente l’asciugatrice serve a chiunque!
L’umidità infatti tende a rovinare i tessuti col tempo. Inoltre, scegliere di lasciar asciugare i vestiti in casa comporta comunque un apporto di umidità maggiore interno alla propria abitazione.
Per valutare la migliore asciugatrice secondo il sito Miglioriasciugatrici.com bisogna guardare a diversi aspetti, tra cui soprattutto le dimensioni ed il prezzo.
Tuttavia, viene specificato che un prezzo maggiore non è sempre un male, soprattutto se determina un risparmio nel lungo periodo, in termini di consumi energetici o problemi tecnici dell’elettrodomestico.
In questo breve articolo ci soffermeremo proprio su questo. Quando consumano le asciugatrici? Quanto incidono sulla bolletta della corrente elettrica? Se state valutando di acquistarne una, non temete, come tutti gli altri strumenti per la casa, anche per l’asciugatrice si può scegliere fra diverse classi di consumo energetico.
Ovviamente, il maggior risparmio è dato dalla classe a+++, che però determina anche un prezzo del prodotto maggiorato.
Tuttavia, di logica, scegliere di risparmiare inizialmente non garantisce nulla sui consumi successivi, per cui (come anticipato) è sempre meglio optare per la best option possibile in vista del futuro, anche perché l’asciugatrice di certo non sarà sostituita nel breve periodo.
Altra cosa a cui prestare attenzione per risparmiare sui consumi è la possibilità che offrono alcune asciugatrici di poter ritardare la partenza del ciclo di funzionamento: in questo modo si può scegliere di attivare l’asciugatura di notte, quando l’energia elettrica costa di meno.
Per ultimo, bisogna considerare il metodo di asciugatura: bisogna scegliere la condensazione interna oppure il sistema a pompa di calore? Il secondo metodo è il più indicato per chi è alla ricerca del risparmio energetico, perché appunto il sistema a condensazione tende ad aumentare il consumo.