Come prendersi cura del proprio microscopio

Un microscopio è uno strumento fragile per alcuni versi, e per riuscire a mantenerne tutte le caratteristiche dobbiamo conoscerne la meccanica almeno in parte, e considerare che si tratta di macchine molto sofisticate e delicate, da trattare con la massima cura possibile. Non possiamo assolutamente lasciare un microscopio all’aria, dato che rischiamo spesso e volentieri che la polvere intacchi in maniera eccessiva le lenti o il condensatore.

Infatti la prima cosa che vi verrà consigliata per prendervi cura del vostro strumento, è quella di coprirlo con una custodia.

Spesso moltissimi microscopi sono venduti con le loro custodie in plastica, ma non solo, sono anche dotati di pratiche valigette che sono utili per il trasporto ma che permettono di mantenere tutte le componenti del microscopio al sicuro.

La polvere è uno dei massimi problemi, infatti non solo dovremo prevenirla, ma ogni volta che si utilizza un microscopio è consigliato ripulirlo dalla polvere depositata, anche se è quasi invisibile. Questo vi consente di avere la massima resa, ma anche di non far accumulare strati di polvere, che possono insinuarsi all’interno della macchina e diventare piuttosto dannosi a lungo andare. Infatti solo la polvere ha il potere di insinuarsi nelle lenti e non consentirci di vedere poi chiaramente i vetrini e i campioni da analizzare.

 

Questo diciamo è il consiglio numero uno che vi verrà sempre dato per la manutenzione del microscopio, ma ci sono poi anche una serie di azioni che andranno svolte ogni tanto e che vi permetteranno la massima resa. Infatti bisogna conoscere i vari elementi principali che necessitano una pulizia particolare, e poi attuare determinate strategie per prendersene cura. Abbiamo gli oculari, gli obiettivi, il tavolino e il condensatore. Questi sono i quattro elementi fondamentali e i più importanti da curare.
Le lenti di per sé possono essere pulite con dei liquidi che siano idonei e che in genere si possono trovare anche da un ottico. Non sono consigliati tutti gli spray, perché possono lasciare aloni o nei casi peggiori rovinare le lenti. La pulizia inoltre va fatta con panni specifici, che non rilasciano peli o fibre e in maniera estremamente delicata. Se volete avere altre dritte per pulire il vostro microscopio visitate il sito Microscopiomigliore.it.